• A.S OASI PALLAVOLO NOCETO
NEWS OASI VOLLEI
  1. OASI volley compie ” 25 anni” i ringraziamenti del Presidente…
  2. PROGETTO coni: “SPORT di CLASSE”
  3. Ritiro a Bedonia Under 13, Under 14 e Under 16
  4. Ripartono i corsi … prova gratuita di 3 settimane!

Oasi Volley- Storia

CARTA DEI DIRITTI DEI RAGAZZI ALLO SPORT

Oltre ai diritti generali dei bambini sopracitati, dichiarati nel lontano 1989 a New York, a Ginevra, nel 1992, la Commissione Tempo Libero ONU, ha dichiarato la Carta dei diritti dei ragazzi allo Sport. Tali diritti, come si può ben capire dal nome, vengono applicati ai bambini e ai ragazzi che vogliono praticare uno sport. I diritti dei bambini o ragazzi, presenti sulla Carta dei diritti dei ragazzi allo Sport, sono i seguenti:

  • Il diritto di fare sport: i genitori del bambino, dovranno far sì che il proprio figlio pratichi attività motorie in quanto può portare benefici psicofisici. Il bambino potrà scegliere, provare e cambiare lo sport che desidera praticare.
  • Il diritto di divertirsi e giocare: l’allenatore, in qualità di educatore, non dovrà proporre come obiettivo finale la vittoria, creando così tensione, ma dovrà proporre il divertimento, il miglioramento psicofisico e l’educazione.
  • Il diritto di beneficiare di un ambiente sano: il luogo in cui il bambino praticherà l’attività sportiva, dovrà essere igienicamente a norma e munito di strumenti di assistenza in caso di infortunio.
  • Il diritto di essere allenato da persone competenti: il personale che allenerà il bambino, dovrà essere adatto a quella fascia d’età e dovrà avere delle competenze professionistiche nell’ambito di quello sport. Dovrà inoltre permettere che gli allenamenti, seguino i ritmi del bambino e che non vada oltre i suoi limiti.
  • Il diritto di misurarsi con giovani con le sue stesse possibilità di successo: il bambino si misurerà con altri bambini non solo della sua età fisica, ma anche della sua età ossea o maturità puberale.
  • Il diritto dei giusti tempi di riposo: gli allenamenti troppo frequenti saranno ridotti e il bambino avrà diritto ad avere dei tempi di riposo per non essere troppo sovraccaricato.
  • Il diritto di praticare sport in sicurezza e del controllo della salute: il bambino dovrà obbligatoriamente portare un certificato medico di stato di buona salute fisica e il certificato di idoneità agonistica.
  • Il diritto di pari opportunità: ogni bambino avrà il diritto di giocare, senza dover fare sempre panchina e senza tener conto del risultato agonistico.
  • Il diritto di non essere un campione: non sempre un bambino può essere un campione o continuare sempre ad esserlo. Chi è campione, può esserlo solamente per un breve periodo e deve sapere che lo sport viene praticato per i vantaggi che arreca e soprattutto per divertirsi.

La nostra Mission

  • Sviluppare un servizio innovativo nel settore sportivo e dell’animazione.
  • Creare nuovi legami e sviluppare relazioni tra gli associati.
  • Promuovere il rispetto delle regole e dell’avversario, imparando ad accettare la sconfitta per crescere ancora più forti.
  • Trasmettere il rifiuto per e ogni forma di violenza.

Come raggiungeremo i nostri obiettivi

  • Perseguiremo i nostri obiettivi con il vostro supporto e la collaborazione di tutto il nostro staff (tecnico, amministrativo e organizzativo) attraverso:
  • La diffusione di una sana pratica sportiva;
  • La promozione di uno stile di vita orientato alla salute e al benessere;
  • Il Dialogo con le istituzioni pubbliche e private;
  • La continua crescita associativa.